Il Detonatore

Facciamo esplodere la banalità

CRISTINA D’AVENA E L’ARTE COME MAFIA SINISTRA (di Matteo Fais)

C6355299 630C 4C26 96B2 BB233A9853BF

Poche stronzate, è una mafia, una cosca con padrini e padroni. Se non sei dei loro, sei fuori, ti fanno fuori – almeno sul piano professionale. Non è un caso che non ci sia più un artista di Destra che ce l’abbia fatta, almeno in Italia.

Perché l’arte, tutta l’arte è di Stato, come disse Carmelo Bene, cioè è finanziata con il denaro pubblico da chi lo Stato lo gestisce. Dunque, appartiene alla Sinistra che ne controlla i veri centri nevralgici del Potere  – università, scuola, teatri, palasport, sale convegni. 

CONTRIBUISCI ANCHE TU A SUPPORTARE IL NOSTRO GIORNALE
Caro amico lettore, come potrai immaginare, dietro questo blog ci sono diverse persone che collaborano agli articoli che tu quotidianamente leggi. Se desideri supportare la nostra attività, ti saremmo grati se volessi dare il tuo sostegno all’Iban IT53E3608105138290082390113. L’intestatario è Matteo Fais. Grazie di cuore, La Redazione. 

Quanto successo a Cristina D’Avena, in tal senso, non stupisce. Accettando di andare a cantare per Fratelli d’Italia, durante la loro festa, ha firmato la sua condanna a morte – benvenuta nel club! Gli arcobalenati non hanno tollerato che, dopo aver preso parte al Pride e alle Feste dell’Unità, abbia fatto una simile scelta.

Premesso che è ridicola una Sinistra che rivendica le canzoni dei Puffi e di Mila e Shiro – ma loro sono ridicoli e, soprattutto, totalmente privi di senso del ridicolo -, anche lei ci ha messo del suo dicendo che un artista è superpartes, per pararsi il culo e giustificare il fatto che pecunia non olet, da qualsiasi parte provenga. 

Al netto di tutto, però, questo casino insegna una cosa importante: la Destra ha un unico modo per vincere e scacciare dal suolo nazionale le metastasi rosse, ovvero finanziare gli artisti. Soldi, bisogna tirare fuori i soldi! Si devono garantire piazze piene di militanti, cd venduti, libri acquistati a pacchi.

In alternativa, per quanto un artista senza coglioni sia un indegno, è comprensibile che la maggior parte ceda alla corrente per non morire annegato. Inutile fare gli ingenui. Bisogna mettere chiunque possa servire una causa nella condizione di garantirsi il pane e il companatico. La vita è brutale e il corpo, per sopravvivere e dare sostegno alla mente, ha bisogno del cibo.

Poi, sì, ci sarà sempre il romantico che muore per il suo ideale. E, ancora di più, ogni arte asservita a un’ideologia non sarà mai arte, ma solo propaganda. Al contempo, di fronte a una Sinistra militarizzata non esiste se non la lotta senza quartiere, dura e senza paura. Bisogna boicottare i loro prodotti, decostruirli fino a mostrare la loro inconsistenza – perché sono inconsistenti, almeno quelli attuali.

ACQUISTA il nuovo romanzo di Matteo Fais, Le regole dell’estinzione, Castelvecchi.
AMAZON: https://www.amazon.it/regole-dellestinzione-Matteo-Fais/dp/8832828979/
IBS: https://www.ibs.it/regole-dell-estinzione-libro-matteo-fais/e/9788832828979

Sartre non si fece timore di spendersi per veder cancellato il collaborazionista Céline. Noi dobbiamo fare altrettanto con i nuovi Sartre. Se loro cancellano, noi dobbiamo far sparire anche l’ombra. Ma ci vorrebbe uno sforzo collettivo e la Destra non ha mai capito che una base popolare, unita, forte e pronta a combattere serve.

Oggi, anche se ci fa schifo, dovremmo tutti acquistare un lavoro di Cristina D’Avena, farle arrivare il nostro supporto. Altrimenti, la peste rossa continuerà a spadroneggiare. Bisogna combattere. Se un artista non può essere superpartes, ancor meno può un cittadino. Nella vita non ci sono scuse, schierarsi è inevitabile.

 Matteo Fais

Canale Telegram di Matteo Fais: https://t.me/matteofais

Instagram: http://www.instagram.com/matteofais81

Facebook: https://www.facebook.com/matteo.fais.14

Chat WhatsApp di Matteo Fais: +393453199734

L’AUTORE

MATTEO FAIS nasce a Cagliari, nel 1981. È scrittore e agitatore culturale, fondatore, insieme a Davide Cavaliere, di “Il Detonatore”. Ha collaborato con varie testate (“Il Primato Nazionale”, “Pangea”, “VVox Veneto”). Ha pubblicato i romanzi L’eccezionalità della regola e altre storie bastarde Storia Minima, entrambi per la Robin Edizioni. Ha preso parte all’antologia L’occhio di vetro: Racconti del Realismo terminale uscita per Mursia. È in libreria il suo nuovo romanzo, Le regole dell’estinzione, per Castelvecchi. Di recente, ha iniziato a tenere una rubrica su Radio Radio, durante la trasmissione “Affari di libri” di Mariagloria Fontana, intitolata “Il Detonatore”, in cui stronca un testo a settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.