Il Detonatore

Facciamo esplodere la banalità

GUARDA COME RISPETTANO I MORTI: GODENDO PER IL RISPARMIO SULLE PENSIONI (di Matteo Fais)

Ce lo siamo sentiti dire tante volte: “Non avete rispetto per i morti”, “Ah, quindi, secondo voi, le bare portate via dai carri militari, a Bergamo, erano una farsa?”. Quando fai presente che la mortalità di questo virus è in realtà infinitesimale – e lo è, non si tratta mica della peste – saltano sulla sedia, gridano all’oltraggio morale, alla rovina dell’etica, alla mancanza di senso civico.

Poi, proprio ieri, il “Corriere della SERVA” e gli altri giornali – “Repubblica”, per Dio, “Repubblica” – titolavano entusiasti “Pensioni, con morti per il Covid risparmi Inps per 1,1 miliardi”. Insomma, l’ente previdenziale respira. Un  po’ di vecchi stronzi, come emerge dal nono Rapporto di Itinerari previdenziali – “Il 96,3% dell’eccesso di mortalità registrato nel 2020 ha riguardato persone con età uguale o superiore a 65 anni, per la quasi totalità pensionate” – si è levato dal cazzo.

CONTRIBUISCI ANCHE TU A SUPPORTARE IL NOSTRO GIORNALE
Caro amico lettore, come potrai immaginare, dietro questo blog ci sono diverse persone che collaborano agli articoli che tu quotidianamente leggi. Se desideri supportare la nostra attività, ti saremmo grati se volessi dare il tuo sostegno all’Iban IT53E3608105138290082390113. L’intestatario è Matteo Fais. Grazie di cuore, La Redazione. 

Ma i cattivi siamo noi, non loro che sono più realisti del Re e di Karl Marx messi insieme – tutto è fondato sull’economia. 1,11 miliardi restano in saccoccia – meglio in tasca mia che sua, dice la saggezza popolare. “Tristemente prodotto”, scrivono loro. Li trovate molto mesti, voi? Non sembra. L’economia della malattia va a pieno regime. L’igienizzante si vende come il pane. Le fabbriche, tra cui la FIAT, sono state convertite a produttori h24 di mascherine. Negli ospedali, i medici decimati, tra morti, positivi e sospesi, sono finalmente costretti a lavorare senza tregua, quindi a garantire la massima produttività – il lavoratore che non si ferma mai è il sogno della società basata sull’economia, quello che si prende un caffè il suo incubo.

A voler essere complottisti, pare che la tachipirina e la vigile attesa siano davvero la panacea di tutti i mali. Ogni volta che uno soffoca sul letto di morte, all’INPS si fanno una sega sul cadavere, quei necrofili pervertiti. Del resto, più soldi ci sono nelle casse dello Stato, e nei suoi enti-diramazioni, e più si può saccheggiare. Come disse una volta Beppe Grillo, quando ancora le sue sparate erano verità vere, “se tutti pagassero le tasse, questi ruberebbero il triplo”.

ACQUISTA il nuovo romanzo di Matteo Fais, Le regole dell’estinzione, Castelvecchi.
AMAZON: https://www.amazon.it/regole-dellestinzione-Matteo-Fais/dp/8832828979/
IBS: https://www.ibs.it/regole-dell-estinzione-libro-matteo-fais/e/9788832828979

“Ma quanto è sostenibile il sistema previdenziale italiano?”, si chiede ovviamente il giornalone di Regime. Ce la faremo, ce la faremo, a quanto pare. Anche se siamo cattivi: andiamo in pensione a 62 anni, quando la media per gli schiavi – pardon, per i servi – europei è 65. La sesta dose, potete starne certi, risolverà in parte il problema. Magari, non ci sarà neppure bisogno che arrivino a guadagnarsela una pensione. L’importante è che tutti si attivino per farsi sfruttare a dovere, fino al limite ultimo. Del resto, questi stanno pensando, affinché “si mantenga la sostenibilità pensionistica” a intervenire su “l’invecchiamento attivo dei lavoratori” – eh? –, “attraverso misure volte a favorire un’adeguata permanenza sul lavoro delle fasce più senior della popolazione; la prevenzione, intesa come capacità di progettare una vecchiaia in buona salute”. Insomma, non fumate e non mangiate troppo, perché ci servite belli visti, anche da anziani, così che i giovani una pensione non ce l’abbiano mai. Geniale!

Insomma, non toccate i morti, non violate la sacralità del loro trapasso. A tutto il resto, ci pensa lo Stato, o meglio l’INPS. Perché, se l’uomo è destinato a dormire una notte eterna, il denaro non dorme mai.

Matteo Fais

Canale Telegram di Matteo Fais: https://t.me/matteofais

Chat WhatsApp di Matteo Fais: +393453199734

L’AUTORE

MATTEO FAIS nasce a Cagliari, nel 1981. È scrittore e agitatore culturale, fondatore, insieme a Davide Cavaliere, di “Il Detonatore”. Ha collaborato con varie testate (“Il Primato Nazionale”, “Pangea”, “VVox Veneto”). Ha pubblicato i romanzi L’eccezionalità della regola e altre storie bastarde Storia Minima, entrambi per la Robin Edizioni. Ha preso parte all’antologia L’occhio di vetro: Racconti del Realismo terminale uscita per Mursia. È in libreria il suo nuovo romanzo, Le regole dell’estinzione, per Castelvecchi.

Un commento su “GUARDA COME RISPETTANO I MORTI: GODENDO PER IL RISPARMIO SULLE PENSIONI (di Matteo Fais)

Rispondi a Nuccio Viglietti Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.