Il Detonatore

Facciamo esplodere la banalità

L’EDITORIALE – L’ESODO DA FACEBOOK SERVIREBBE A BEN POCO NEL CONTRASTO ALL’IDEOLOGIA PROGRESSISTA (di Davide Cavaliere)

In tanti vorrebbero abbandonare i social media tradizionali per quelli alternativi: Parler e MeWe

Tentazione comprensibile, di fronte alla censura messa in atto dalle aziende di Zuckerberg. Ritengo, però, che tale scelta sarebbe un errore. Le ragioni sono due: la prima è che tale spostamento non avrebbe altro effetto che quello di ghettizzare ulteriormente le posizioni conservatrici, relegandole in spazi chiusi e ancora poco utilizzati. Un esodo da Twitter e Facebook di coloro che non sono allineati al progressismo sarebbe una vittoria per le due piattaforme, che si libererebbero senza colpo ferire degli utenti indesiderati. I due social media potrebbero così rafforzare il controllo politico dei contenuti

La seconda ragione riguarda il potere economico delle piattaforme social. L’universo digitale è controllato da una oligarchia, sempre più piccola, di aziende interconnesse che possono agire di concerto per sopprimere chiunque e ovunque.

Apple ha già rimosso la piattaforma Parler dal suo App Store, e similmente ha fatto Google dal suo Play Store per gli Android, sostenendo che questa non avrebbe implementato delle sufficienti politiche di “moderazione”.

ACQUISTA il nuovo romanzo di Matteo Fais, Le regole dell’estinzione, Castelvecchi.
AMAZON: https://www.amazon.it/regole-dellestinzione-Matteo-Fais/dp/8832828979/
IBS: https://www.ibs.it/regole-dell-estinzione-libro-matteo-fais/e/9788832828979

In futuro, aziende come Google o Facebook potranno acquisire MeWe e imporvi i loro “standard della community”, con annessa censura dei contenuti indesiderati.

È impossibile sfuggire all’occhio totalitario dei colossi della tecnologia. Bisogna sfruttare tutti gli spazi per contrastare l’egemonia progressista e inondare la rete di contenuti non sottomessi alla propaganda ufficiale. Social come Parler e MeWe possono andare bene per secondi profili, ma i conservatori devono muovere guerra sulle piattaforme più comuni.

Nonostante le difficoltà crescenti, bisogna aggirare la sorveglianza e conquistare nuovi spazi digitali. La fuga verso social network di nicchia è deleteria e aumenterà il potere delle aziende della Big Tech.

Bisogna mantenere le posizioni e contrattaccare l’ideologia progressista ovunque, nella vita reale e in quella virtuale.

Davide Cavaliere 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.