Il Detonatore

Facciamo esplodere la banalità

L’EDITORIALE – UN PAESE DIVISO, PERSINO TRA CHI È CONTRO (di Matteo Fais)

“Siam pronti alla morte;/ L’Italia chiamò”, dice il nostro inno. Ed effettivamente qualcuno pronto a morire per il Paese ci sarebbe ancora – per quanto, sempre da verificare al momento opportuno –, malgrado l’odio instillato dai sinistri nei confronti della Patria.

Goffredo Mameli aveva anche ragione nel ricordarci la via giusta da seguire: “Uniamoci, amiamoci;/ L’unione e l’amore/ Rivelano ai popoli/ Le vie del Signore./ Giuriamo far libero/ Il suolo natio:/ Uniti, per Dio,/ Chi vincer ci può?”. Ma l’aspetto più interessante di quei versi sta nella notazione antropologica in cui si ricorda che “Noi siamo da secoli/ Calpesti, derisi,/ Perché non siam popolo,/ Perché siam divisi”.

Tombola! Ecco il punto. Qui da noi, comunque vada, si è separati su tutto, persino quando si è contro. Voci di corridoio, tanto per dire, mi informano che, anche nelle città in cui qualche anima santa si sta adoperando per dare vita a nuove manifestazioni di protesta contro il lockdown che di fatto che stiamo vivendo, ci sono dei casini insormontabili. Provate a immaginare da cosa sono generati. Semplice: Gino ce l’ha su con Pino, perché quest’ultimo gli sta antipatico; Caio è d’accordo a scendere in piazza, ma ha già detto che non verrà se è sicura la partecipazione di Sempronio perché lui che è juventino non andrà mai a protestare con un interista.

L’Italia, purtroppo, è questa qua. Mille rivoli che non si incontrano mai per formare un fiume. Al massimo, dieci di loro vanno a confluire in una pozzanghera che dura un mese e poi ognuno per conto suo. Non c’è niente da fare, è più forte di noi.

Acquista il nuovo romanzo di Matteo Fais, Le regole dell’estinzione, Castelvecchi. Qui il booktrailer.
AMAZON: https://www.amazon.it/regole-dellestinzione-Matteo-Fais/dp/8832828979/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=matteo+fais+le+regole&qid=1605114288&sr=8-1
IBS: https://www.ibs.it/regole-dell-estinzione-libro-matteo-fais/e/9788832828979?inventoryId=189713771

Il problema italiano, insomma, è tutto una faccenda di mentalità. Il dividi et impera è la nostra tara genetica. Inoltre, siamo pochi e ognuno vorrebbe primeggiare. Abbiamo avuto un Duce, ma il vero male sono stati i tanti ducetti. Ognuno, nel suo quartiere, si crea un regno a parte.

E nessuno che riesca comprendere che siamo tutti sulla stessa barca. Gli insegnati manifestano per sé stessi, i metalmeccanici idem, i privati non vogliono quelli del pubblico e viceversa. Gli italiani mi ricordano quella barzelletta in cui un aereo in volo si trova in difficoltà e un passeggero fa all’altro: “Vabbè, chi se ne frega se cade, tanto non è mio”.

Insomma, vedrete, anche tra noi che siamo contro la mascherina, il lockdown, i DPCM, i comunisti, ecc., alla fine non riusciremo a trovare un’intesa. Qualcosa andrà storto e, tra diversi mesi, dopo una nuova chiusura totale – perché ci sarà, statene pur certi –, saremo ancora lì ad accapigliarci e punzecchiarci, a scrivere commenti al veleno contro questo e contro quello, su Facebook o su un canale Telegram.

Che vi devo dire, di mio so solo che una rivoluzione, partendo da queste premesse, non la faremo mai.

Matteo Fais

Canale Telegram di Matteo Fais: https://t.me/matteofais

Chat WhatsApp di Matteo Fais: +393453199734

L’AUTORE

MATTEO FAIS nasce a Cagliari, nel 1981. È scrittore e agitatore culturale, fondatore, insieme a Davide Cavaliere, di “Il Detonatore”. Ha scritto per varie testate (“Il Primato Nazionale”, “Pangea”, VVox Veneto”). Ha pubblicato i romanzi L’eccezionalità della regola e altre storie bastarde Storia Minima, entrambi per la Robin Edizioni. Ha preso parte all’antologia L’occhio di vetro: Racconti del Realismo terminale uscita per Mursia. Da ottobre, è nelle librerie il suo nuovo romanzo, Le regole dell’estinzione, per Castelvecchi.

Un commento su “L’EDITORIALE – UN PAESE DIVISO, PERSINO TRA CHI È CONTRO (di Matteo Fais)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.