Il Detonatore

Facciamo esplodere la banalità

L’EDITORIALE – QUESTE DONNE, PRESUNTE “MODERNE” (di Davide Cavaliere)

Le mediocri cantanti Elodie e Madame, balzate all’onore del pettegolezzo nazionale dopo le loro esibizioni sanremesi, incarnano, alla perfezione, la donna moderna. Infatti, sono intollerabili e scontate.

Prendiamo Madame, diciannove anni e una insopprimibile voglia di ammorbare il prossimo con le sue preferenze sessuali: “Sono bisessuale, attratta sia da donne che da uomini. Scelgo a seconda di come mi sento“. E dunque? Leggendo talune affermazioni, viene spontaneo chiedersi chi voglia scandalizzare con confessioni così banali e in linea coi tempi. Dichiararsi bisessuali è di moda. Per essere davvero trasgressiva dovrebbe dire, almeno, “sono coprofila” o abbandonarsi ad ambigue dichiarazioni sulla pedofilia – come fece, anni fa, Aldo Busi al Maurizio Costanzo Show –, ma niente di tutto ciò avviene e Madame si dice “bisessuale” e lo fa in perfetta aderenza all’imperante conformismo della ribellione.

ACQUISTA il nuovo romanzo di Matteo Fais, Le regole dell’estinzione, Castelvecchi.
AMAZON: https://www.amazon.it/regole-dellestinzione-Matteo-Fais/dp/8832828979/
IBS: https://www.ibs.it/regole-dell-estinzione-libro-matteo-fais/e/9788832828979

La rapper ha cantato a piedi nudi e dichiarato che ama camminare senza scarpe, perché vuole “sentire la terra sotto di sé“. Che candore! Insomma, la nostra “donna libera” è anche un po’ seguace di Greta e di altre amenità tardo-hippie. Magari, abbraccia gli alberi e segue una dieta vegana. Suvvia Madame, puoi fare o dire qualcosa che non sia noiosamente adolescenziale?

Ma veniamo a Elodie, la meticcia Elodie, la “cazzuta” Elodie. La cantante italo-creola-romana-cosmopolita che vanta – e come potrebbe essere altrimenti? – un “passato difficile”. Avere un passato burrascoso è, ormai, anch’esso, un cliché

La diva dal “passato difficile” ha detto di sé: “Solo sul pianerottolo c’erano spacciatori, gente sessualmente promiscua, alcolizzati, la mia famiglia che non era quella del Mulino bianco“. Viene da chiedere: “dunque, Elodie, sei nata a Sanremo?”.

In queste donne moderne, ben personificate dalle suddette, c’è qualcosa di inutilmente aggressivo. Tutto, in loro, è teso a trasmettere l’icona della “donna con le palle”, collocabile a metà strada tra la femminista nevrastenica e l’arrivista cinica.

CONTRIBUISCI ANCHE TU A SUPPORTARE IL NOSTRO GIORNALE
Caro amico lettore, come potrai immaginare, dietro questo blog ci sono diverse persone che collaborano agli articoli che tu quotidianamente leggi. Se desideri supportare la nostra attività, ti saremmo grati se volessi dare il tuo sostegno all’Iban IT53E3608105138290082390113. L’intestatario è Matteo Fais. Grazie di cuore, La Redazione.

Quelle come Elodie e Madame possono scoprirsi quanto vogliono, mettere in mostra seni e cosce, ma il loro erotismo è divorato da quella infinita sequela di “io sono”, “io faccio”, “io mi affermo” e dalle fanfaronate sui costumi sessuali

Il pudore, stigmatizzato come “chiusura mentale”, è il motore dell’eros. In loro non c’è traccia di sensualità, ma solo una manifesta (e noiosa) pornografia. Ecco il dramma delle donne “emancipate”: hanno barattato la loro unicità femminile per “le palle”, diventando brutte parodie degli uomini.

Davide Cavaliere 

L’AUTORE

 DAVIDE CAVALIERE è nato a Cuneo, nel 1995. Si è laureato all’Università di Torino. Scrive per le testate online “Caratteri Liberi” e “Corriere Israelitico”. Alcuni suoi interventi sono apparsi anche su “L’Informale” e “Italia-Israele Today”. È fondatore, con Matteo Fais, del giornale online “Il Detonatore”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.