Il Detonatore

Facciamo esplodere la banalità

FICTOSESSUALE? IL MONDO NON STA BENE (di Matteo Fais)

L’impressione dominante è che qualcosa, sul piano evolutivo, sia andata storta. Tutto sommato, che ancora vi siano delle guerre in giro per il mondo è l’aspetto meno preoccupante. Quel che lascia basiti è la sensazione di essere circondati da una grottesca parodia dell’umanità.

Si pensi per esempio al caso che è saltato alla ribalta da qualche giorno e che vede come protagonista Akihiko Kondo, un giapponese con una faccia da fesso inenarrabile, il ritratto perfetto del disagio. Costui, a quanto pare, si sarebbe sposato in modo fittizio con Hatsune Miku, l’oleogramma di una “cantante pop dai capelli turchesi, sintetizzata dal computer, che è stata in tour con Lady Gaga e ha recitato nei videogiochi”. Tale delirio sarebbe stato reso possibile da un dispositivo chiamato Gatebox che, a quanto dicono i giornali, “permette di interagire con gli ologrammi di personaggi di fantasia”. L’inquietante tendenza a innamorarsi di questi spettri avrebbe anche un nome. Precisamente, si parla di fictiosessualità.

CONTRIBUISCI ANCHE TU A SUPPORTARE IL NOSTRO GIORNALE
Caro amico lettore, come potrai immaginare, dietro questo blog ci sono diverse persone che collaborano agli articoli che tu quotidianamente leggi. Se desideri supportare la nostra attività, ti saremmo grati se volessi dare il tuo sostegno all’Iban IT53E3608105138290082390113. L’intestatario è Matteo Fais. Grazie di cuore, La Redazione. 

Ovviamente, una persona sana di mente, diciamo uno che alla sera si reca bar a farsi l’aperitivo, o si siede dopo cena a leggere un libro sul divano, mentre sorseggia un amaro, dovrebbe ridere a crepapelle sentendo di una simile cretinata e chiedere “Ma mi state prendendo per il culo?”. A quanto pare, no, non siamo vittime delle scherzo di qualche buontempone.

La cosa più aberrante di questo nuovo corso del mondo è che a fenomeni simili, che in altri tempi sarebbero stati condotti al più vicino manicomio per ricevere adeguate cure, oggi si dà spazio, rilevanza mass mediatica. Se tanto mi dà tanto, è oltremodo chiaro che chi parla con quello che, in giardino, grida di essere Napoleone e lo chiama “Generale”, può solo essere più pazzo del pazzo stesso.

Insomma, noi siamo pazzi. Tutti, indistintamente. Da rinchiudere. A furia di tollerare stranezze, niente ci sembra più inammissibile. Tra qualche hanno, se un bambino si sentirà una teiera che gira intorno a Marte, potrà denunciare i genitori che cercano di ammansirlo dicendogli “No, figlio mio, tu ti chiami Carlo e sei nato a Milano, undici anni fa”. Del resto, se non ricordo male, questo ipotetico Carlo, a undici anni, potrebbe svegliarsi e dire che si sente donna, imponendo ai suoi genitori di fargli rimuovere il pistolino, per poi farsi servire ogni giorno un cocktail di ormoni e veder crescere le tettine. Come potrete notare, le premesse c’erano tutte.

Sì, decisamente, si fa fatica a non perdere l’equilibro leggendo di tutte le stranezze che stanno diventando consuetudine. Uomini che, invece di andare a puttane, pagano centinaia di euro per una foto di una smandrappata che ha un account su OnlyFans. Macron che vince le elezioni e festeggia sbacciucchiandosi con sua nonna ottuagenaria. Vendola che ha avuto un bambino. Uteri in affitto e Valentina Nappi opinionista.

ACQUISTA il nuovo romanzo di Matteo Fais, Le regole dell’estinzione, Castelvecchi.
AMAZON: https://www.amazon.it/regole-dellestinzione-Matteo-Fais/dp/8832828979/
IBS: https://www.ibs.it/regole-dell-estinzione-libro-matteo-fais/e/9788832828979

Di questo passo, sarà inevitabile trovare gente che si sposa la sua bambola gonfiabile, o peggio ancora l’ologramma di questa. L’unica cosa certa è che qualcosa è andato storto, che la realtà sta venendo meno a sé stessa, che camminiamo nell’aria – un’aria decisamente fetida.

Qui, non resta che sperare in una catastrofe nucleare, o un asteroide. A questo punto – crepi l’avarizia –, pure una bomba atomica non sarebbe del tutto negativa. Altrimenti, le persone sane di mente dovrebbero riunirsi, smetterla di limitarsi a ridere, e rendersi conto che, se non si fa subito qualcosa, la situazione è perduta. Perché, se non si agisce, tra un po’ anche noi atei cominceremo a gridare, in mezzo alla strada, in preda al terrore, “Che Dio ci aiuti!”.

Matteo Fais

Canale Telegram di Matteo Fais: https://t.me/matteofais

Chat WhatsApp di Matteo Fais: +393453199734

L’AUTORE

MATTEO FAIS nasce a Cagliari, nel 1981. È scrittore e agitatore culturale, fondatore, insieme a Davide Cavaliere, di “Il Detonatore”. Ha collaborato con varie testate (“Il Primato Nazionale”, “Pangea”, “VVox Veneto”). Ha pubblicato i romanzi L’eccezionalità della regola e altre storie bastarde Storia Minima, entrambi per la Robin Edizioni. Ha preso parte all’antologia L’occhio di vetro: Racconti del Realismo terminale uscita per Mursia. È in libreria il suo nuovo romanzo, Le regole dell’estinzione, per Castelvecchi.

2 commenti su “FICTOSESSUALE? IL MONDO NON STA BENE (di Matteo Fais)

Rispondi a Nuccio Viglietti Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.