Il Detonatore

Facciamo esplodere la banalità

SE IL GP TI VOGLIONO DOMANDARE, TU MANDALI… (di Matteo Fais)

A cagare! Ne ho già sentiti due di amici che si sono visti porre il veto per la cena o il pranzo di Natale, con i famigliari: o ti fai il tampone, visto che non sei vaccinato, o noi non veniamo. E, allora, andate a fare in culo! Non esiste risposta migliore.

No, signori, è fondamentale non cedere alla follia imperante, non dare credito a ogni squilibrato, per quanti legami di sangue o parentela possano intercorrere tra di voi.

CONTRIBUISCI ANCHE TU A SUPPORTARE IL NOSTRO GIORNALE
Caro amico lettore, come potrai immaginare, dietro questo blog ci sono diverse persone che collaborano agli articoli che tu quotidianamente leggi. Se desideri supportare la nostra attività, ti saremmo grati se volessi dare il tuo sostegno all’Iban IT53E3608105138290082390113. L’intestatario è Matteo Fais. Grazie di cuore, La Redazione.  

Come già detto nel caso di ristoranti o attività commerciali favorevoli all’immonda tessera verde, è necessario mantenere una coerenza da crociati. Il nemico si combatte e basta. Nessuna negoziazione. Se, a giorni, per quieto vivere, vi presterete a questo gioco, tra dieci anni, saremo ancora qui a igienizzarci e indossare la maschera anche per andare al bagno.

È un principio cardine, soprattutto in una contingenza quale quella attuale, puntare i piedi e non piegarsi per nessun motivo al mondo. Il Potere, dovete capire, ha come suo primo guardiano il cittadino comune che ne perpetua ottusamente i dettami, in particolare imponendo agli altri di rispettarli a propria volta.

È più pericoloso lo zio che pretende il tampone per sedersi a mangiare il panettone con voi di qualsiasi Draghi o Mattarella. Il Parlamento intero non è neppure una scorreggia, se paragonato alla forza omologante di una famiglia.

Piuttosto, sbronzatevi da soli, segatevi su YouPorn, ma non andate casa di qualche parente alluvionato di testa. Dovete far capire che non tenete in minima considerazione la loro opinione e che non gradite la compagnia di idioti a tavola, visto che, com’è noto, i pro-vax sono così stupidi da far salire subito l’acidità di stomaco.

Ognuno a casa sua e vedrete che, almeno per quel che vi riguarda, starete molto meglio. Dite di no a quel vecchio barile di aceto di vostra zia che vi sventola tutta tronfia il suo green pass sotto il naso.

ACQUISTA il nuovo romanzo di Matteo Fais, Le regole dell’estinzione, Castelvecchi.
AMAZON: https://www.amazon.it/regole-dellestinzione-Matteo-Fais/dp/8832828979/
IBS: https://www.ibs.it/regole-dell-estinzione-libro-matteo-fais/e/9788832828979

Ah, ovviamente, rifiutate categoricamente di rispettare le regole perverse elencate da “La Repubblica” nel numero del 19 Dicembre. Abbracciate tutti, anche contro la loro volontà; scambiatevi le posate con i commensali; portate gli anziani, specialmente quelli non vaccinati; passate il telefonino per fare gli auguri; e la finestra aperta, se non si gela, la apra il Direttore di quel cesso di giornale, che l’unico a dover fare uscire la puzza è lui. E, naturalmente, evitate di regalare l’abbonamento per un anno a “Repubblica” che, altrimenti, la gente si rincoglionisce ancora di più.

Le regole da coglioni di “La Repubblica”

Bene, io ve l’ho detto e, adesso, sapete cosa fare. Ricordate che la guerra non è in trincea, ma comincia in prima istanza tra le mura di casa vostra. E chiunque, parente, amico, zio, zia, nonno, nonna, se rompe le palle, deve essere fucilato di vaffanculo all’istante. Non fatevi fregare dal buon cuore e dall’educazione. E, come diceva anche una vecchia pubblicità: a Natale puoi fare quello che non puoi fare mai… Appunto, mandarceli.

Matteo Fais

Canale Telegram di Matteo Fais: https://t.me/matteofais

Chat WhatsApp di Matteo Fais: +393453199734

L’AUTORE

MATTEO FAIS nasce a Cagliari, nel 1981. È scrittore e agitatore culturale, fondatore, insieme a Davide Cavaliere, di “Il Detonatore”. Ha scritto per varie testate (“Il Primato Nazionale”, “Pangea”, “VVox Veneto”). Ha pubblicato i romanzi L’eccezionalità della regola e altre storie bastarde Storia Minima, entrambi per la Robin Edizioni. Ha preso parte all’antologia L’occhio di vetro: Racconti del Realismo terminale uscita per Mursia. È in libreria il suo nuovo romanzo, Le regole dell’estinzione, per Castelvecchi.

4 commenti su “SE IL GP TI VOGLIONO DOMANDARE, TU MANDALI… (di Matteo Fais)

  1. Condivido, peccato che è venuto il vaccino se non ci fosse stato il Covid probabilmente avrebbe fatto fuori qualche imbecille in più.

  2. sembra che quest’articolo sia stato scritto per me.
    mia zia non vuole me e mio fratello perché non vaccinati, e non vuole nemmeno i miei genitori perché non hanno la terza dose.

    un’amica (ma non più) mi ha appena chiesto il tampone per capodanno perché unico non vaccinato.

    a me verrebbe anche da ridere se non ci fosse invece da piangere, a sentire queste idiozie.

  3. Come al solito” stupendo” articolo, tutto quello che faccio e che vorrei che facessero anche altri, ma quest’ultimo è solo un sogno. Comunque, come dici tu, meglio soli, un bel piatto, una bottiglia di vino e poi lascia fare alla fantasia. AUGURI!!!!!

Rispondi a Rosario Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.